Tribunale di Catania

Biancavilla (Catania) Denunzia il racket e fa arrestare sei persone

 

Sei persone sono state arrestate dai carabinieri a Biancavilla perché ritenute organiche ai clan mafiosi e accusati di estorsione continuata e aggravata dal metodo mafioso. L’inchiesta è stata coordinata dalla Procura Distrettuale di Catania. Tutte le persone arrestate sono residenti a Biancavilla.

Le manette sono scattate grazie alla collaborazione di un imprenditore che stanco di essere costretto da diversi anni a pagare somme di denaro a titolo di “protezione”, ha deciso di raccontare tutto ai carabinieri. I provvedimenti sono stati firmati dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Catania, su richiesta della Procura Distrettuale.

In manette sono finiti Carmelo Vercoco di 44 anni, Vincenzo Monforte di 31 anni, Alfio Petralia di 40 anni, Alfio Muscia di 39 anni, Angelo Girasole di 41 anni, Alberto Gravagna di 32 anni.

I sei sono accusati di far parte del clan “Mazzaglia – Toscano – Tomasello”, attivo a Biancavilla e considerato articolazione della famiglia catanese “Santapaola-Ercolano”.

Le intercettazioni  ambientali e telefoniche, oltre che le riprese video, hanno permesso di ricostruire – spiegano i carabinieri – minuziosamente l’estorsione, e di evidenziare i ruoli e le attività del clan.