Canicattì (Agrigento) Sparatoria per motivi passionali

È stato fermato l’uomo che ha sparato a Vincenzo Curto il 22 giugno, a Canicattì. La squadra mobile di Agrigento e i carabinieri di Canicattì hanno arrestato Gianluca Scaccia, 33 anni, eseguendo un provvedimento del pm Carlo Cinque. L’accusa è di aver esploso tre colpi di pistola calibro 7,65, il movente sarebbe passionale. All’indagato sono contestati il tentativo omicidio, porto aggravato e detenzione illegale di pistola. L’arma non è ancora stata trovata.

Gianluca Sciacca
Gianluca Sciacca

Nella serata del 22 giugno Scaccia ha ferito Curto nella zona di Borgalino alta, quasi al confine con contrada Montagna. Un colpo ha centrato il trentatreenne alla parte destra del torace e l’ogiva è stata rinvenuta e sequestrata dai carabinieri. Altri due colpi hanno invece attraversato la gamba destra del trentatreenne, accompagnato all’ospedale dal fratello.