Ingresso centro Cara di Mineo

Cara di Mineo, regole troppo rigide

Le regole, primo punto di partenza per una convivenza civile, non piacciono all’interno del centro di accoglienza del Cara di Mineo, in provincia di Catania. Secondo gli occupanti della struttura, le regole, quelle che loro non vorrebbero, sono troppo rigide.

Diverse centinaia di migranti ospiti del Centro di Mineo hanno inscenato un corteo di protesta e bloccato la strada statale Catania-Gela per contestare contro l’applicazione di norme di sicurezza all’interno della struttura.

Una recente riunione del Comitato per l’ordine e la sicurezza convocato dalla Prefettura di Catania e che si è svolto nella Procura di Caltagirone ha disposto un maggiore rispetto delle regole nel Cara, come il divieto di cucinare negli alloggi o la vendita di merce nella stessa struttura.

L’applicazione delle norme ha provocato la reazione dei migranti del Centro accoglienza richiedenti asilo più grande d’Europa, che al momento ospita oltre tremila persone. Intanto, hanno liberato al traffico la statale Catania – Gela e per il momento non si segnalano incidenti.