Immagine di repertorio

Prometteva posti di lavoro in cambio di denaro

Accogliendo la richiesta del pm Francesco Gualtieri, il gup di Palermo Nicola Aiello ha condannato a sei anni e otto mesi un ex dipendente di Poste italiane, Antonio Fantaci, accusato di truffa, violenza privata ed estorsione.

A dare il via alle indagini, iniziate nel novembre del 2015, una querela presentata da varie persone. Secondo la denuncia, l’uomo, all’epoca in servizio alla sede di Palermo di Poste Italiane con mansioni di autista e addetto allo smistamento della corrispondenza, avrebbe fatto finta di ricoprire un importante incarico all’interno della società e quindi di poter far ottenere impieghi a tempo indeterminato dietro il pagamento di migliaia di euro.

 Una parte della somma, tra i 3 e i 5 mila euro, doveva essere corrisposta immediatamente, la parte restante al momento dell’assunzione. A essere cadute nella rete dell’ex dipendente, secondo quanto accertato dalle Fiamme Gialle, sarebbero almeno una ventina di persone.

antonio-fantaci-2
Antonio Fantaci
Palermo da Altofonte
Palermo