Tribunale Messina

Se il Commissario Straordinario di Savoca non accetta rilievi

Può capitare in un’aula di Tribunale a Messina di sentire una segretaria comunale affermare: ” No, non accetto critiche ai miei atti, chi non ci sta si rivolga al Tar. Io rispondo solo alla Legge”. Già, per la 47enne Rossana Carrubba, 47 anni, messinese oggi segretario comunale a Taormina, è inconcepibile che ci sia diritto di critica, che il cittadino possa lamentarsi del suo operato. Anche se l’ipotesi di reato collegato  è, in vero, voto di scambio a Savoca nel 2015. Comunque, ha ammesso che dapprima ha fatto la tirocinante a Savoca, che è amica di studi della moglie dell’attuale sindaco di Savoca Bartolotta , che lei e lui sono colleghi, ovvero segretari comunali e che da commissario straordinario a Savoca aveva poteri di sindaco, giunta e pure Consiglio comunale. Sugli atti di sequestro dei carabinieri di Sant’Alessio a poche ore dalla tornata elettorale del 2015 ha collezionato  una sequela di ” non so” e di ” non ricordo” insoliti per chi riveste una carica come la sua.  Ci sarà da ridere il 6 dicembre quando saranno ascoltati i testi oggi consiglieri di minoranza  di Savoca e l’ex sindaco di Torregrotta Caselli. Per motivi che solo il giudice Cipri riuscirà a chiarire non sono stati chiamati in causa il Corriere Jonico e Savoca news , gli autori dello scoop giornalistico preelettorale.  Intanto la Carrubba si è dovuta presentare in aula dopo la notifica in Comune con i carabinieri dopo tre o quattro assenze con tanto di ammenda, oggi revocata.

Sindaco Bartolotta
Sindaco Bartolotta
Panorama Savoca
Panorama Savoca