Caltagirone ( Catania) Sequestro da quattro milioni di euro ai fratelli Villeggiante per evasione fiscale

Finiscono sotto sequestro i beni dei fratelli Villeggiante di Caltagirone, imprenditori abbastanza conosciuti per la loro attività di venditori di auto. In totale i beni sequestrati si aggirano intorno ai quattro milioni e 400 mila euro. Giuseppe e Salvatore Villeggiante, rispettivamente di 49 e 47 anni, sono già coinvolti in numerosi procedimenti penali per reati di associazione per delinquere, usura, estorsione, rapina e riciclaggio. I Villeggiante gestori di diverse società del calatino che operano nel settore del commercio di autoveicoli, sono stati sottoposti a procedimento penale per reati fiscali  connessi all’evasione di ingenti imposte  ricostruita dalla Guardia di Finanza del Gruppo di Caltagirone a conclusione di due attività di verifica fiscale compiute nel 2015 e nel 2016.

Da ulteriori indagini patrimoniali è emersa una notevole sproporzione tra i patrimoni posseduti e i redditi dichiarati. Nel corso degli approfondimenti di natura economico finanziaria, riguardo il periodo dal 2003 sino al 2016, è stata accertata una ingiustificata sproporzione, pari a circa 2 milioni di euro, tra i redditi complessivamente dichiarati dai due fratelli e dai componenti dei rispettivi nuclei familiari e il totale degli investimenti da loro realizzati in quell’arco di tempo.

La misura patrimoniale riguarda tre società di capitali – due operanti nel settore del commercio al dettaglio di autoveicoli e una nel settore immobiliare – una società agricola, 52 beni immobili (28 terreni e 24 fabbricati), 190 autoveicoli, e diversi rapporti bancari per un valore complessivo di circa quattro milioni e 400 mila euro.

Caltagirone
Caltagirone