Claudio Baglioni proclama vincitrice la canzone “Non è stato fatto niente” ed esplode la gioia di Federico Moro ed Ermal Meta, a Sanremo.

 

La 68esima edizione della canzone italiana del Festival di Sanremo, targato Baglioni, passerà alla storia come la migliore di tutte le edizioni precedenti. Ottima la conduzione del trio Baglioni-Hunziker-Favino, belle le canzoni con qualche eccezione, azzeccata la vittoria del duo Meta-Moro, record di ascolti per l’organizzazione intelligente.
Ieri sera il Festival si è chiuso con i botti! Laura canta Non è detto, guadagna la standing ovation nel duetto con Baglioni su Avrai e poi, sfidando il freddo pur non essendo al cento per cento, esce dall’Ariston e finisce il suo brano Come se non fosse stato mai amore sul red carpet, prestando il microfono al pubblico in delirio.
Favino non smette di sorprendere: stasera fa finalmente ‘l”uomo della parola’, portando sul palco dell’Ariston un brano da La notte poco prima della foresta di Bernard-Marie Koltès, storia di estraneità e di esclusione, appena andata in scena all’Ambra Jovinelli di Roma.
Voglio urlare, voglio poter urlare anche se poi mi sparano addosso”, recita l’attore con le lacrime agli occhi, in un crescendo di pathos. Sul finale entrano in scena Fiorella Mannoia e Claudio Baglioni, che intonano insieme Mio fratello che guardi il mondo di Ivano Fossati. E la commozione contagia anche Baglioni. “Sanremo. Italia. Un bel Paese si racconta”, twitta il premier Paolo Gentiloni.
Nel festival popolar-nazionale, il più intelligente della storia festivaliera, c’è spazio per il coro di tutto l’Ariston su Strada facendo, con Baglioni in scena con il trio Nek-Max Pezzali-Renga, e per il tributo a Enzo Jannacci con La canzone intelligente. Indimenicabile il duetto con i Negramaro nella seconda serata. Tra gaffe, scivoloni (Sabrina Impacciatore finisce in terra) e autoironia, ‘Picchio’, con la giacca bianca “da cameriere” prevede: “Domani titoleranno: Favino, piazza al tavolo 4”.
Michelle Hunziker emana bagliori sia in total black da principessa sia nell’abito da sirena color sabbia rosato. Esplosiva la performance della ‘vecchia che balla’: Paddy Jones si scatena con la sua danza acrobatica in platea mentre Lo Stato Sociale fa ballare l’Ariston.
Questi gli altri premi assegnati ieri sera: il Sergio Endrigo per la migliore interpretazione va a Vanoni-Bungaro-Pacifico per Imparare ad amarsi; il premio Sergio Bardotti a Mirkoeilcane per Stiamo tutti bene; il Giancarlo Bigazzi alla miglior composizione musicale a Max Gazzè per La leggenda di Cristalda e Pizzomunno; il premio TimMusic per la canzone più ascoltata nella settimana del festival a Ermal Meta e Fabrizio Moro con Non mi avete fatto niente.