Spiaggia Capo d'Orlando erosa

Una valanga di milioni di euro per combattere il dissesto idrogeologico in Sicilia.

 

Si torna a parlare concretamente del ripascimento della costa siciliana: in arrivo una pioggia di milioni di euro per fronteggiare il dissesto idrogeologico e l’erosione degli arenili. Ne beneficeranno 27 Comuni di 7 province della Sicilia inseriti in un primo stralcio di finanziamenti del ministero dell’Ambiente. Si tratta di un Fondo di rotazione, per interventi di sicurezza del suolo e delle acque, di cento milioni di euro Le risorse saranno gestite dalla struttura del Commissario straordinario per la mitigazione del rischio idrogeologico in Sicilia, guidata dal presidente della Regione, Nello Musumeci. Il provvedimento destina i fondi alla progettazione di 39 opere: nove nel Palermitano, una a Catania, ventidue nel Messinese, due nelle province di Enna, Siracusa e Trapani e una nell’Agrigentino.

Ecco i fondi per la provincia di Messina: Antillo, regimentazione torrente Acqua vena (4,7 milioni); Capo d’Orlando, difesa e salvaguardia arenile (5 milioni, 254mila euro); Castelmola, consolidamento Castello (2 milioni); Condrò, sistemazione torrente Canalicchio (1,6 milioni); Galati M., consolidamento centro abitato S. Antonio (770mila euro, 97mila euro), località Pilieri (1,2 milioni, 136mila euro) e protezione contrada Galini (450mila euro, 22mila euro); Letojanni, riqualificazione torrente Papale (2,8 milioni, 117mila euro), mitigazione erosione litorale (6,5 milioni, 308mila euro), canalizzazione acque (7 milioni, 507mila euro); Librizzi, consolidamento acque frazione Nasidi (2 milioni, 192mila euro); Lipari, protezione spiaggia Canneto (8,3 milioni, 371mila euro); Motta Camastra, consolidamento area piazza Croce (1,4 milioni, 53mila euro); Naso, consolidamento località San Giuliano (1 milione, 124mila euro); Pagliara, sistemazione idraulica via Vallone (1,5 milioni, 74mila euro); Patti, consolidamento area Case nuove Russo (2 milioni, 189mila euro); Rometta, protezione aree costiere (12,2 milioni, 183mila euro); San Piero Patti, consolidamento centro abitato (2 milioni); Santa Teresa di Riva, mitigazione rischio idraulico torrente d’Agrò (3,4 milioni, 137mila euro); Scaletta Zanclea, messa in sicurezza contrada Scaletta (4,7 milioni, 87mila euro) e protezione frazione Divieto (1,5milioni); Taormina, salvaguardia e restauro Isola Bella (2,9 milioni).