Trapani – Picchiavano e minacciavano anziana che dovevano assistere: due badanti in manette

 

una donna, 75 anni di Trapani, era in casa bloccata a letto. Una delle due badanti sputava nel piatto dove poi la povera vittima mangiava. La polizia ha filmato, con microspie, episodi di violenza inaudita. Un’anziana di 75 anni di Trapani è stata picchiata e minacciata dalle due badanti che si sarebbero dovute occupare di lei. Le violenze fisiche e psicologiche sono durate settimane e sono state documentate dagli uomini della Polizia che hanno fatto irruzione nell’abitazione della donna, nel centro storico della città, e arrestato le due. Le badanti, di 36 e 53 anni, invece di assistere e curare la signora malata e bloccata a letto, l’hanno più volte picchiata e minacciata. I maltrattamenti avvenivano durante il cambio della biancheria e del letto o mentre le davano da mangiare. E nonostante la donna ogni volta urlasse per le violenze subite, nessuno dei vicini ha mai chiamato la polizia. Grazie alle microspie e alle telecamere nascoste, i poliziotti hanno assistito a diversi episodi di violenza, fino a quando hanno fatto irruzione nell’appartamento.

La donna è stata ricoverata all’ospedale di Trapani per accertamenti e successivamente affidata a una residenza protetta. Il Gip di Trapani ha convalidato gli arresti e su richiesta del pm ha disposto la custodia cautelare in carcere delle due indagate.
Una delle badanti è stata vista dagli investigatori mentre sputava nel contenitore con il cibo che dopo dava all’anziana. Il contenitore era conservato sul pavimento accanto alla spazzatura. Gli uomini della terza sezione della squadra mobile dicono di aver assistito a episodi «di inaudita violenza, che hanno deciso di interrompere con l’arresto in flagranza».