Partanna Mondello

Palermo, spariti 253 pezzi al museo intitolato a Giuseppe Pitrè


Non finisce ma di sorprendere la città di Palermo, capitale della Cultura. Al deposito del museo etnoantropologico intitolato a Giuseppe Pitrè mancano 253 pezzi. Si tratta di documenti e oggetti della tradizione popolare, un colpo a una delle collezioni a tema più importanti del Mezzogiorno.
Filippo Guttuso, che fino a due mesi fa guidava il museo, prima dell’arrivo di Eliana Calandra, a inizio del 2017, ha presentato una denuncia ai carabinieri del nucleo di tutela del patrimonio artistico. E a conclusione dei controlli su «circa quattromila oggetti, si è potuto constatare la mancanza di un numero significativo» di essi: oltre 250 pezzi spariti nel nulla.