sigarette sequestrate

PALERMO: LA POLIZIA DI STATO SEQUESTRA 140 CHILI DI SIGARETTE DI CONTRABBANDO, PER UN VALORE SUPERIORE AI CINQUANTAMILA EURO ED ARRESTA UN PALERMITANO

La Polizia di Stato, nell’ambito dei servizi di pattugliamento lungo la “A29”, ieri a tarda sera, ha effettuato un cospicuo sequestro di sigarette di contrabbando ed arrestato un palermitano.

I poliziotti della “Sezione Polizia Stradale di Palermo” hanno proceduto al controllo di una vettura ferma sulla corsia di emergenza all’ingresso della città, nei pressi di Tommaso Natale; alla vista degli operatori, il conducente del veicolo, successivamente identificato per Di Maio Giulio di 32 anni, ha tentato di dileguarsi, abbandonando il mezzo ed allontanandosi a piedi lungo l’autostrada in direzione Palermo; in pochi attimi è stato raggiunto dai poliziotti.

Alle domande degli agenti sulle ragioni della sua presenza in zona ha risposto di essere stato costretto ad arrestare la marcia a causa di una avaria meccanica che lo aveva costretto ad incamminarsi verso il centro abitato.

Anche allo scopo di riscontrare la versione fornita dall’automobilista e alla luce dei precedenti di polizia per contrabbando di sigarette a carico di Di Maio, emersi durante una rapida consultazione degli archivi delle Forze dell’Ordine, gli agenti hanno ritenuto di effettuare un controllo sul mezzo, il cui abitacolo, già a prima vista, sembrava ricolmo di merce, coperta con un panno, come a volerne celare la reale natura; solo allora, il palermitano ha ammesso quale fosse la natura proibita del suo carico: si trattava di 14 scatoloni, contenenti, cadauno, cinquanta stecche di sigarette, del valore, approssimativo, superiore ai 50.000,00 euro.

Di Maio è stato tratto in arresto ed il provvedimento convalidato dall’Autorità Giudiziaria.