Capo d’Orlando. Si è riunito ieri sera il consiglio comunale. Due i punti iscritti all’Odg: Edilizia convenzionata e debiti fuori bilancio

Pubblicità

Sandro Gazia

Se ieri sera fossimo giunti per caso nell’aula consiliare del Comune di Capo d’Orlando, avremmo pensato che si trattasse di un incontro tra quattro amici che avevano deciso all’ultimo minuto di spostarsi dal bar all’aula Falcone e Borsellino. E noi che, ansiosi e apprensivi per le sorti della bellissima e indecifrabile Capo d’Orlando, avevamo temuto una sorta di Cinque Giornate di Milano, a quel punto siamo stati assaliti dal dubbio amletico: dove siamo “sbarcati” in un luogo ameno, silenzioso, cordiale si ma certamente sbagliato?

 Per tornare ai lavori, pardon alla riunione del Consiglio comunale, il primo punto era sull’edilizia economica e convenzionata, ed è passato con alcuni emendamenti del consigliere di opposizione Gaetano Sanfilippo Scimonella ma con i voti unanimi dei presenti precedentemente concordati con la maggioranza.

 Riguardo poi il secondo punto sul Bilancio, approfondimento voluto da Sandro Gazia, Angiolella Bottaro, Gaetano Gemmellaro, Danieta Trifilò, Gaetano Sanfilippo e Alessio Micale che, durante la discussione, non hanno risparmiato pesanti critiche alla maggioranza.

 Il sindaco Franco Ingrillì si è brillantemente e flemmaticamente smarcato dagli attacchi ed ha saputo tener testa all’incalzare dell’opposizione dimostrando di saper navigare a vista palesando anche un pò di risolutezza, sconosciuta in altre occasioni. Il primo cittadino, tra l’altro, nel rispondere ai quesiti posti puntualmente dai consiglieri comunali che siedono dall’altro lato della “barricata”, ha stabilito delle priorità nella sua prossima azione politica con un richiamo a tutti e fors’anche a se stesso, a ricoprire responsabilmente il ruolo per il quale sono stati eletti. Meno chiacchiere e più fatti!

 E, sorprendentemente, ha dato un significativo segnale di apertura al Gruppo dei Consiglieri Leggio, Triscari e Fardella, “chi è stato in coalizione con noi, che torni a lavorare al nostro fianco”. Insomma, quella che sembrava fosse una briscola giocata a più tavoli, alla fine è risultata si laboriosa ma indiscutibilmente fruttosa. Verrebbe da dire “se son rose fioriranno”.

E comincia, quindi, a riprendere corpo la possibilità che alcuni assessori della Giunta, chi per una ragione chi per un’altra, cominci a cercarsi altri tavoli dove giocare…    

Gaetano Sanfilippo, consigliere comunale
Gaetano Sanfilippo, consigliere comunale
Linda Liotta, consigliere comunale
Linda Liotta, consigliere comunale
aula consiliare
aula consiliare
Franco Ingrillì
Franco Ingrillì

 

Pubblicità