Polizia

Munizioni nel controsoffitto. La Polizia di Stato arresta un pluripregiudicato

Una pistola Bernardelli calibro 6,35, piccola e facile da maneggiare. L’arma, con matricola abrasa, è stata trovata ieri dai poliziotti della Squadra Mobile dopo attenta e capillare perquisizione domiciliare a carico di Ferro Tommaso, messinese, 41 anni, pluripregiudicato, in atto agli arresti domiciliari. L’arma era ben nascosta nel vano del controsoffitto in cartongesso della stanza dei figli, completa di due caricatori con, rispettivamente, 8 e 6 cartucce dello stesso c alibro.

Si è pertanto proceduto all’arresto per i reati di detenzione illegale di arma clandestina e di  munizioni comuni da sparo.

Spinelli in auto e piante di marijuana a casa. La Polizia di Stato arresta ventitreenne messinese

Galletta Alessandro, 23 anni, messinese è stato arrestato dai poliziotti delle Volanti impegnati nel controllo del territorio. I reati contestati sono produzione, coltivazione e detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

Il giovane, sottoposto a controllo, stanotte, in via Peculio Frumentario, a seguito di segnalazione per schiamazzi notturni, ha subito insospettito gli agenti che hanno proceduto a verifiche più approfondite.

Verifiche che hanno dato esito positivo perché il ventitreenne teneva alcuni spinelli in auto e cinque barattoli contenenti marijuana per un peso complessivo di 120,33 grammi, ben nascosti all’interno di un armadio in casa.

Sulla scrivania della stessa camera c’era anche un bilancino ancora sporco d’erba, verosimilmente utilizzato per l’esatta pesatura dello stupefacente prima della messa in vendita.

Ulteriore scoperta per i poliziotti in veranda dove il messinese coltivava tre piante di marijuana di grandezza differente, tutte curate e in perfetto stato vegetativo.

Su disposizione dell’Autorità Giudiziaria il ragazzo sarà giudicato stamani con rito direttissimo.

Messina
Messina
Tommaso Ferro
Tommaso Ferro