ARS

In Sicilia, sei milioni per gli asili comunali, lo prevede un bando della Regione

Sei milioni e mezzo di euro ai Comuni siciliani per la gestione degli asili nido. È quanto prevede l’ assessorato regionale della Famiglia in un bando di prossima pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale. Due linee di intervento: la prima è dedicata specificatamente ai Comuni in difficoltà finanziarie, come quelli in dissesto o in pre-dissesto, che per legge hanno l’obbligo dell’incremento delle rette per i servizi.

“In questo caso – spiega l’assessore della Famiglia, Mariella Ippolito – l’intervento della Regione mira a mitigare gli effetti dell’aumento, concedendo un contributo, che oscilla dai centoventimila ai duecentocinquantamila euro a Comune, a seconda della popolazione, proprio per la riduzione delle rette”.

La seconda linea invece è indirizzata a tutti i Comuni e prevede un contributo massimo di centocinquantamila euro, finalizzato alla “apertura – conclude l’assessore – di un nuovo servizio o all’implementazione di uno già esistente mediante, per esempio, l’ampliamento dei posti disponibili, ma anche l’apertura prolungata durante il giorno oppure quella nei mesi estivi”.

“È una misura – evidenzia il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci – a favore delle famiglie. Le risorse finanziarie  messe a disposizione dei Comuni serviranno, infatti, sia per la riduzione delle rette per i bambini iscritti, sia per l’apertura di nuovi asili o per l’implementazione di quelli esistenti”.

Mariella Ippolito
Mariella Ippolito
Asili nido
Asili nido