Raffineria Milazzo

I vertici della Raffineria di Milazzo per la prima volta sul banco degli imputati

In processo che inizia domani a carico della Raffineria di Milazzo, che non ha precedenti nella storia della stessa,  richiamerà a Tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto, una moltitudine di cittadini. Le battaglie di associazioni, uomini e donne, il parroco Padre Trifirò, Giuseppe Marano, Beppe Maimone e tanti altri che ci sfuggono, che hanno a lungo lottato per vedere riconosciuti le proprie istanze, oggi potranno pure dire: “chi la dura la vince”.

Domani, infatti, presso il tribunale di Barcellona P.G., inizierà il primo processo contro la società Raffineria di Milazzo. Per la prima volta i capi di imputazione saranno molto pesanti. Tra gli altri quello di disastro colposo.

Contemporaneamente alla prima udienza, gli abitanti del territorio saranno davanti al tribunale in presidio. L’obiettivo non è quello di disturbare lo svolgimento dell’udienza. Né quello di criticare l’operato svolto dalla magistratura che non sempre ha svolto il proprio lavoro come la drammaticità del caso meritasse. Troppe lentezze e troppi inghippi non avrebbero consentito una più rapida soluzione. Domani, per le popolazioni della Valle del Mela, è veramente un’altro giorno.

Giuseppe Marano al centro
Giuseppe Marano al centro
Beppe Maimone
Beppe Maimone
San Filippo del Mela
San Filippo del Mela
Tribunale di Barcellona PG
Tribunale di Barcellona PG