Fabio Colombo

I 4 consiglieri di “Lista Orlandina” invitano il sindaco Ingrillì a sollecitare il dirigente dell’area urbanistica ad esitare le pratiche di delocalizzazione da troppo tempo in stand by

I quattro consiglieri comunali della Lista Orlandina, il capogruppo Fabio Colombo, Linda Liotta, Graziella Facciolà e Valentina Leonino, mettono molto opportunamente sul tappeto del dibattito politico, la loro posizione in merito al regolamento posto a disciplinare le pratiche di delocalizzazione. La cosa che principalmente ci preme sottolineare in questa sede è che l’argomento tutt’altro che trascurabile, viene evidenziato dal gruppo politico di maggioranza. E trova, in maniera incondizionata, per quel che può valere, il nostro appoggio morale e politico.

Andiamo alla missiva:

«Egregio signor Sindaco, i sottoscritti Consiglieri Comunali del gruppo “Lista Orlandina”, mediante la presente, intendono ufficializzare proposta e posizione, a Lei note, ed informare i cittadini dello stato di fatto in relazione all’attività. L’amministrazione comunale ha intenzione di adottare un regolamento posto a disciplinare le pratiche di delocalizzazione. Il nostro gruppo è favorevole all’adozione di tale strumento in quanto la legge oggi vigente, non tiene conto degli aspetti peculiari che il territorio di ogni comune possiede e che si differenziano di caso in caso. L’adozione rappresenta un atto di responsabilità perché mira a rendere più armonica l’urbanizzazione, tenendo conto della specificità e dello stato di fatto del territorio rapportandolo al carico urbanistico ed alla popolazione tutelando le aree verdi e la vivibilità del paese. La redazione, a cura del dirigente dell’area urbanistica, sulla scorta delle indicazioni politiche ricevute, pare essere finalmente giunta a compimento, ma la conclusione dell’iter, anche in considerazione del dibattito politico che ne scaturirà, a nostro giudizio ha tempi incompatibili con le esigenze di cittadini, tecnici, imprese e lavoratori del settore edile. A ciò si aggiungono i ridotti introiti nelle casse comunali.

Per questo, essendo comunque vigente una normativa chiara che regola la materia, ed evidenziato che il nostro Comune ha in passato esitato diversi progetti in assenza del regolamento che si intende adottare, Le chiediamo un intervento immediato e deciso per sbloccare l’empasse nel quale l’ufficio urbanistica è attualmente caduto. Pertanto alla luce di quanto sopra esposto i sottoscritti Consiglieri Comunali Le chiedono di dare disposizioni al dirigente dell’area urbanistica di esitare rapidamente, tenendo conto della legge vigente, le richieste giacenti, al fine di non creare ulteriore pregiudizio ai cittadini che nelle more hanno presentato tali progetti e che aspettano una risposta che non può più tardare. Ne beneficerà la Comunità Orlandina e questo, siamo certi, è anche il Suo obiettivo che potrà essere rapidamente raggiunto.»