Il pesce spada elimina lo squalo

 

Uno squalo morto di oltre tre metri è stata rinvenuto questa mattina a Borgo Bonsignore, nell’Agrigentino, all’interno della Riserva Naturale Foce del Platani. L’esemplare rinvenuto sulla spiaggia di Borgo Bonsignore, è un esemplare adulto di Verdesca (Prionace glauca), un predatore che vive al largo anche dei nostri mari, lungo tre metri esatti. Lo spiaggiamento deve essere avvenuto nel corso della scorsa notte, dato che non presentava alcun segno di decomposizione e ad un esame esterno, non presentava segni di ferita da elica o ami all’interno della bocca. Ma da un accurata ispezione della testa dell’animale, si è notato una spada, lunga ben 20 cm, che da dietro l’orbita superiore dell’occhio destro, si è insinuata sino alle branche, trapassando tutto il cranio dell’animale. La spada era un frammento della testa di un pesce spada (Xiphias gladius), che usa la sua lama come una vera e propria arma utilizzata sia per predare e sia per difendersi.

Squalo morto
Squalo morto