Aeroporto Orio Bergamo

26 ore per andare da Bergamo a Catania

120 passeggeri che  lo scorso 23 dicembre, hanno atteso ben 26 ore per fare ritorno in Sicilia difficilmente dimenticheranno quanto loro capitato. Sarebbero dovuti partire da Bergamo- Orio al serio  col volo AP411 delle 7,40 per atterrare a Catania circa un’ora e mezzo dopo. E , invece, venire in Sicilia per trascorrere qui le festività natalizie è stato come affrontare un viaggio della speranza.

È la compagnia spagnola Albastar che, stavolta, non ha preso il decollo. La causa? Una nebbia eccessivamente fitta, o meglio la mancanza di un pilota abilitato al decollo e all’atterraggio del mezzo in condizioni atmosferiche particolari, come ha reso noto la stessa compagnia aerea ai passeggeri quando, alle 15 di domenica scorsa (dopo circa sei ore di ritardo) si è trovata costretta a giustificare la loro permanenza in hotel, a Bergamo, per poi portarli a destinazione il giorno dopo, nebbia permettendo…. E così è andata, per fortuna. Alle 9 della vigilia del Natale l’aereo è decollato e i passeggeri hanno potuto trascorrere le festività con le proprie famiglie.

Ciò che ha destato maggiore fastidio, secondo il racconto di alcuni passeggeri, è stata in particolar modo la mancanza di notizie che ha reso l’attesa più estenuante. La gente al gate è rimasta per ore prima di ricevere una giustificazione da parte della compagnia aerea, che prima di farsi avanti ha aggiornato diverse volte le stime di volo, segnando vari ritardi. In prima battuta l’aereo sarebbe dovuto partire alle 8.40, poi alle 10.10 e, in ultimo, alle 10.40. Trascorse cinque ore, lo schermo video si è oscurato e non c’è stata più traccia del volo.

Alle 15 il volo è ufficialmente cancellato e la verità esce allo scoperto, lasciando tutti increduli e sbalorditi. Mancava il pilota abilitato…

 Catania
Catania
Compagnia Albastar
Compagnia Albastar