Agrigento

Muore pensionato vittima di estorsione

Si chiamava Pasquale Schembri ed era l’anziano non vedente, vittima di uno dei due episodi di estorsione contestato ad Agrigento alle sorelle Francesca e Concetta Picone. Per questo episodio le due avvocatesse sono state condannate rispettivamente a 4 e 1 anno e otto mesi di reclusione. L’uomo, è deceduto la scorsa notte.

“Esprimo il mio rammarico per vedere una vittima di tentata estorsione morire senza soldi perché le imputate Francesca e Concetta Picone non hanno pagato la provvisionale di 10 mila euro in suo favore”.

Così l’avvocato Pennica, difensore di parte civile dell’anziano. “Nonostante i solleciti – dice Pennica – inoltrati dal difensore non è mai stato pagato nulla per come prevede la sentenza pronunciata dal Gup del Tribunale di Agrigento Alfonso Malato. I diversamente abili – conclude Pennica – hanno sempre ragione e se qualcuno pensa che la morte estingua i debiti dei soggetti abili anche questa volta ha fatto male i conti”. Il legale della vittima si è anche rivolto all’ordine degli avvocati, per indurre l’avvocato Picone a pagare con l’immediatezza del caso.