Tribunale Agrigento

Indagato il comandante della nave Ong “Mare Jonio”

il comandante della nave Ong “Mare Jonio” è stato iscritto nel registro degli indagati. A procedere sono stati il procuratore aggiunto di Agrigento Salvatore Vella e il sostituto Cecilia Baravelli che si trovano a Lampedusa e che stanno coordinando direttamente l’inchiesta – aperta per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina – sulla nave “Mare Jonio” dell’associazione Mediterranea. Nelle prossime ore, il procuratore aggiunto Vella e il sostituto Baravelli, inizieranno a sentire i componenti dell’equipaggio.

Il fascicolo d’inchiesta, aperto nel tardo pomeriggio di ieri dalla Procura della Repubblica di Agrigento, inizialmente era contro ignoti. Negli ultimi minuti è invece, appunto, diventato a carico di noti: a carico di Pietro Marrone comandante dell’imbarcazione che non si è fermata all’Alt della Guardia di finanza. Per questo le ipotesi contestate sono il favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e la “disobbedienza a nave da guerra”, una sorta di resistenza a pubblico ufficiale in mare. Il sequestro dell’imbarcazione, intanto, è stato convalidato.

Il comandante della nave è stato, dunque, il primo iscritto nel registro degli indagati, un atto dovuto per consentire l’interrogatorio. Stamane, peraltro, l’armatore di “Mare Jonio” era stato convocato in Capitaneria di porto.

Pietro Marrone
Pietro Marrone
Guardia finanza
Guardia finanza