Carola Rackete

Capitan Carola indagata per rifiuto d’obbedienza a nave da guerra

La capitana della Sea Watch3, Carola Rackete, è stata iscritta nel registro degli indagati per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e per rifiuto di obbedienza a nave da guerra, secondo quanto previsto dal codice della navigazione. L’iscrizione nel registro degli indagati, da parte della Procura di Agrigento, è stata fatta dopo l’acquisizione dell’annotazione della Guardia di finanza.

Fonti della Farnesina confermano, intanto, che a seguito del lavoro svolto – su istruzioni del ministro Enzo Moavero Milanesi, in stretta correlazione con la Commissione europea – Francia, Germania, Lussemburgo, Portogallo e altri stati membri dell’Ue sono disponibili ad accogliere migranti imbarcati sulla nave Sea Watch. Intanto altre minacce recapitate al procuratore capo di Agrigento, Luigi Patronaggio.

Nave Sea Watch
Nave Sea Watch
Luigi Patronaggio
Luigi Patronaggio