Venerdì 5 luglio tornerà a riunirsi il Consiglio comunale di Gioiosa Marea (ME)

Il 5 luglio prossimo il Civico consesso di Gioiosa Marea, ridente cittadina del Messinese, sarà chiamato a discutere un nutrito Ordine del giorno tra cui spiccano la viabilità sulla strada statale 113, da sempre una palla al piede dell’economia locale e l’iter per giungere alla stabilizzazione dei precari del Comune,  due argomenti tutt’altro che trascurabili, il cui inserimento all’ordine del giorno è stato richiesto dal gruppo di opposizione “Obiettivo Gioiosa”.

Per ciò che riguarda la Statale 113 – arteria viaria di vitale importanza considerato che collega la cittadina ai paesi vicini –  i consiglieri di minoranza chiedono al sindaco Ignazio Spanò se abbia sollecitato l’Anas affinché rispetti gli impegni presi durante la presentazione, nel maggio 2017, del Piano di riqualificazione e di salvaguardia relativo proprio alla 113, da sempre oggetto di svariate criticità.

Inoltre, nella richiesta rivolta al primo cittadino, lo schieramento guidato dall’ex sindaco. Eduardo Spinella, punta l’indice sulla situazione di degrado e incuria in cui verserebbero le strade provinciali ricadenti nel territorio comunale e soprattutto la provinciale 135, che in una circostanza come questa risulta essere la principale alternativa di collegamento verso Patti.

Il sindaco Ignazio Spanò, qualche freccia nel suo arco la può scoccare, in quanto non ha dormito sugli allori ed ha chiesto al Cas la sospensione del pagamento del pedaggio nella tratta della A20 fra Brolo e Patti, fino al termine dell’interruzione stradale.