Il Porto Capo d’Orlando Marina ha compiuto due anni e già cammina velocemente

Il Porto Marina Di Capo d’Orlando, ha già compiuto due anni e, senza tema di smentita, posssiamo affermmare che cammina velocemente tanto da sembrare un adulto. Ha compiuto due anni dal completamento dei lavori e l’avvio della gestione, ha ospitato una serie di appuntamenti ed eventi, nel corso di questi due anni che è diventato un punto di riferimento imprescindibile per il comprensorio nebrodense.

Basti pensare che sabato corso l’ing. Mario Favazzi, autore del libro intitolato proprio “Capo d’Orlando Marina”, lo ha voluto presentare nell’incanto della bellezza del Porto. L’autore, quale collaudatore statico delle opere in cemento armato, ha ricostruito nel suo libro le varie fasi di realizzazione del porto, dal suo embrione fino alla splendida realtà che è oggi. Alla presentazione, sono intervenuti, oltre al sindaco di Capo d’Orlando Franco Ingrillì, anche il vicepresidente della società di gestione del porto, Arch. Giuseppe Mangano, il quale ha ricordato la passione di tutti i professionisti coinvolti e soprattutto l’operosità di quanti ogni giorno hanno lavorato instancabilmente per garantire il rispetto dei tempi di apertura previsti.

A seguire, la banchina prospiciente la galleria commerciale è diventata un teatro a cielo aperto, ospitando artisti di strada che, tra danze aeree, fuoco e circo contemporaneo, hanno intrattenuto gli avventori fino all’ormai immancabile fuoco d’artificio di mezzanotte. A completare la passeggiata di negozi, l’esposizione di artigianato locale, che si ripeterà tutti i weekend del mese di luglio.

Apresenziare al  2° anniversario deo Porto Turistico tra i più belli che si conoscano, è intervenuto,  il Presidente della Regione Siciliana, on.le Nello Musumeci, per la prima volta a Capo d’Orlando Marina, in visita privata. Accompagnato dal personale della marina che ha mostrato la struttura, il Presidente ne ha potuto apprezzare l’organizzazione e la funzionalità, in compagnia anche dell’Assessore regionale alla Sanità avv. Ruggero Razza, del vice questore aggiunto dott. Carmelo Alioto e del sindaco Franco Ingrillì.

“E’ una struttura che fa onore alla Sicilia, all’avanguardia, curata nei particolari, con una qualità di servizi che fa la differenza. C’è una gestione attenta e accorta. Diventerà, anzi già lo è, un porto modello”, ha dichiarato il Presidente. E ancora, ha aggiunto: “Questa è la Sicilia che mi piace, la Sicilia dell’imprenditoria che sa scommettere, la Sicilia che crede che questa isola possa e debba avere un futuro, anche turistico”.

Se ci è consentito vorremmo dare un suggerimento ai responsabili dell’infrastruttura orlandina, soprattuto ai fratelli Giuseppe e Totò Mangano, che apprezziamo incondizionatamente sul piano personale,  evitare i fracassoni a tarda notte con i decibel alti. I velisti scelgono questo porto anche per potersi rilassare senza i fastidiosi suoni di tamburi e grancasse che, tra l’altro, fanno male ai cardiopatici.