Paternò definita città non particolarmente interessante

La tempestiva risposta ricevuta da Cristian Bonetto, autore della recensione su Paternò definita “città particolarmente non interessante” nella guida per viaggiatori di Lonely Planet, è la conferma che nulla va lasciato al caso. Lo scrive in una nota il vice presidente dell’Archeoclub ‘Iblamajor’ di Paternò Paolo Di Caro che ha reso nota la vicenda dopo che il presidente dell’Archeoclub Francesco Finocchiaro aveva scritto una lunga lettera all’autore del ‘report’.

“Mi rendo conto – si legge nella lettera – delle difficoltà nel descrivere un luogo, dovute all’esigenza di sintesi che il prodotto editoriale impone. Le difficoltà nel reperire le documentazioni che non sono sempre disponibili e delle criticità che soffocano alcune realtà urbane: come l’accessibilità dei luoghi, dei servizi e delle informazioni. Un problema diffuso in moltissime realtà descritte nella guida, a cui questa terra – la Sicilia – deve porre rimedio.

Tuttavia la città di Paternò è un atlante di storia e di risorse monumentali, naturalistiche e antropologiche straordinarie e le informazioni sintetiche che lei propone al turista sono inesatte e fuorvianti”. Dall’Australia risponde l’autore della recensione, Cristian Bonetto: “Gentilissimo arch. Francesco Finocchiaro, la ringrazio di cuore per le informazioni e per la sua passione per Paternò. L’input sarà considerato per il prossimo aggiornamento. Grazie per l’invito a Paternò. Mi farebbe piacere conoscerla la prossima volta che mi trovo in Sicilia”. Soddisfatti ma in attesa che la ‘correzione’ venga apportata, i ‘giustizieri’ dell’Archeoclub che hanno dimostrato un’ammirabile attenzione verso la proipria città.

“Ci auguriamo che possa intervenire tempestivamente così come ha detto – conclude Paolo Di Caro – per modificare la nuova edizione della guida e speriamo possa presto tornare a Paternò per poter ammirare le sue bellezze ed apprezzarne il suo reale valore. Noi saremo lieti di accogliere lui e tutti coloro che avranno voglia di scoprire le innumerevoli bellezze di questo territorio”.