Falcone

Droga dalla Calabria alla provincia di Messina

La droga venduta pure ai ragazzini davanti alle discoteche o alle scuole, erano cinque o dieci euro a “stecca”, da una banda capeggiata da un appuntato dei carabinieri di Falcone in servizio a Patti, nel messinese. E la droga, spesso, la vendevano altri ragazzini che gravitavano nell’orbita criminale della gang, basti pensare che «non può sottacersi che  durante l’attività d’indagine, non aveva compiuto il 14° anno d’età».

È stata soprattutto questo l’operazione antidroga “Scala Reale”.  E l’appello dell’accusa è stato accolto, con la reintroduzione del concetto di “gravità delle condotte” e un conseguente sostanziale duro aggravamento delle condanne, rispetto al primo grado.

Eccole: Paolo Brigandì, 11 anni di reclusione; Alessandro Brigandì, 6 anni e 10 giorni; Giancarlo La Torre, 4 anni, 5 mesi e 10 giorni; Giuseppe Mazzone, 4 anni e 8 mesi; Luigi Fiducia, 4 anni, 6 mesi e 20 gironi.

Droga