Renato Carlo Mangano

Ennesimo, esplosivo comunicato del Consigliere di Capo d’Orlando, Renato Mangano.

Solidarietà e rinnovata fiducia al RUP ARO Ing. Fabio Marino e a quello del Comune di Capo d’Orlando, Geom. Alfredo Gugliotta che con tempestività e professionalità, fin dall’insediamento del nuovo ufficio RUP, si sono distinti per le articolate contestazioni alla Multiecoplast-ATI, gestore dei Servizi Ambientali del Comune di Capo d’Orlando, per gli innumerevoli servizi non resi rispetto a quelli contrattualmente previsti.
Inizia in questo modo il nuovo richiamo alla realtà del consigliere Renato Mangano che a volte sembra aver ingaggiato un lungo braccio di ferro con chi vorrebbe logorarlo.

Prendo le distanze dalle dichiarazioni rese dal Sindaco Ingrillì nella conferenza stampa di ieri, chiarisce da subito Mangano che, con ingiustificata superficialità mette in discussione il puntuale operato dell’ufficio tecnico responsabile della verifica della qualità dei servizi ambientali e del controllo del rispetto delle clausole contrattuali; facendo trapelare che le 27 contestazioni recentemente notificate alla Multiecoplast-ATI si potrebbero ridurre sensibilmente in fase di confronto con la controparte nei prossimi tavoli tecnici.

Invece finalmente riconosce l’eccessivo costo del servizio di trasporto pari a Euro 2.200 per singolo viaggio a  discarica a dispetto di quello del prezzo di mercato attestato Euro 600/1000, recepito con il prossimo affidamento dei servizi ambientali. Mi sarei aspettato non solo un doveroso e pubblico ringraziamento per l’operato svolto dagli uffici RUP, afferma Mangano, consapevoli della delicatezza della “Vertenza Rifiuti” ma che stigmatizzasse energicamente il comportamento, scarsamente collaborativo del raggruppamento di imprese – ente gestore dei Servizi Ambientali che persiste in un incomprensibile atteggiamento omissivo, non riscontrando la documentazione richiesta dagli uffici comunali, contrattualmente disciplinata per certificare le modalità di erogazione dei “Servizi Resi”; segnatamente: “Ordini di Servizio Settimanale” e “Verbalini di Servizio Quotidiano”, previsti nella proposta migliorativa, allo scopo di effettuare, sia preventivamente che a consuntivo, un puntuale riscontro sia dell’attività svolta dall’ appaltatore che l’insieme dei servizi erogati.

Mercoledì scorso, in commissione consiliare permanente “Igiene Ambientale”, presieduta da Felice Scafidi, composta dal vice presidente Sandro Gazia e dai componenti Linda Liotta, Fabio Colombo e Renato Carlo Mangano, alla presenza del RUP dell’ARO, Fabio Marino e da quello del comune di Capo d’Orlando, Alfredo Gugliotta, ho rinnovato l’invito ad avviare le procedure per l’applicazione delle tariffa puntuale, evidenziandone le immediate ricadute positive per i cittadini-utenti-contribuenti paladini, oltre a reiterare le innumerevoli contestazioni al raggruppamento d’imprese per i servizi ingiustificatamente non resi, recentemente oggetto di numero 27 articolate contestazioni, formalizzate da parte degli uffici preposti.

Fiducioso nell’esito positivo dei tavoli tecnici, partecipati dall’amministrazione paladina e dalla Multiecoplast-ATI, che comporterà un considerevole credito a favore del Comune di Capo d’Orlando, solleciterò il Sindaco Ingrillì e gli uffici competenti all’individuazione delle improcastinabili iniziative, affinchè le significative economie per i servizi non resi vengano riconosciute in fattura “a credito” nella prima emissione utile a favore dei cittadini tutti che ne hanno diritto. Tutto ciò conferma che l’Amministrazione Ingrillì continua a sottovalutare la Vertenza Rifiuti proponendo soluzioni aleatorie non rispettose della gravità della situazione nonchè a caratterizzarsi per la cattiva gestione della res pubblica, a seguito degli eccessivi oneri a carico dei cittadini di Capo d’Orlando che in questi giorni hanno ricevuto una insopportabile tariffazione della TARI e per gli ingiustificati ritardi, anche contrattuali, nell’avvio delle più opportune e tempestive procedure per l’applicazione della “tariffa puntuale”, finalizzate a valorizzare la partecipazione dei cittadini con forme di premialità economica, in funzione dei livelli raggiunti di raccolta differenziata, nonostante tutto ciò facesse parte della proposta migliorativa della Multiecoplast – Ati.

Nelle prossime settimane con una manifestazione pubblica solleciteremo l’amministrazione a valutare attentamente il “modello Torrenova” che si sta distinguendo per i brillanti risultati di raccolta differenziata con percentuali prossimi all’80%, rispettando così i criteri di buona amministrazione dell’ente locale, di efficienza, efficacia ed economicità, a dispetto di quelli conseguiti, ad oggi, dal comune di Capo d’Orlando che si attesta su percentuali a dir poco discutibili, inferiori al 60%, con tutte le conseguenze negative sui bilanci delle famiglie orlandine.

La salvaguardia dei livelli occupazionali si può coniugare con la qualità dei servizi con oneri sostenibili per lintera comunità amministrata, mediante l’applicazione della “tariffa puntuale” in quanto la stessa è composta da una “parte fissa” e una “parte variabile”. La parte fissa serve a coprire il 100% dei costi fissi sostenuti per garantire il servizio (Costo del personale, costi automezzi, costi per spazzamento strade, gestione del CCR, ecc…), garantendo così i livelli occupazionali; la parte variabile serve a coprire il 100% dei costi sostenuti per lo smaltimento dei rifiuti, così si registrerà l’immediata riduzione dei costi, stante che verrebbe superato immediatamente il 65% dei rifiuti differenziati, con conseguente risparmio di € 600/700 mensile di sanzione , degli ulteriori oneri per il conferimento a discarica dell’indifferenziato e riduzione degli esosi ed ingiustificati costi per il trasporto pari ad € 2.200,00 per singolo viaggio a discarica, a dispetto di quello del prezzo di mercato attestato ad € 600,00/1.000,00.

Capo d’Orlando, 30agosto 2019

Le cose che dice il Consigliere Mangano sembrerebbero lapalissiane invece dovendosi scontrare con dei finti sordi, quello che direbbe Lapalisse lo dice, con la solita riconosciuta franchezza il consigliere orlandino ma non contano quasi nulla. Sembra che degli arcieri lancino frecce ma  il destinatario li evita con grande perizia. L’unica cosa che non può scansare sono i numeri, che non sono opinioni…