Ribera

Ribera, al via la demolizione delle case popolari costruite con calcestruzzo depotenziato

Sono iniziati oggi, dopo sette anni dallo sgombero forzato degli inquilini, i lavori di demolizione e ricostruzione di 60 case popolari situate in Largo Martiri di via Fani, a Ribera, nel quartiere di San Francesco. L’intervento, appaltato dallo Iacp di Agrigento per un costo di circa 10 milioni di euro, partono in netto ritardo a seguito di problemi burocratici che hanno riguardato l’espletamento della gara, generando le proteste da parte di chi abitava in quegli appartamenti.

Alloggi che, malgrado fossero inagibili e pericolosi (oltre che privi di allacci di acqua e luce) sono stati nel frattempo occupati da extracomunitari, sgomberati a loro volta nelle scorse settimane. Le case erano state evacuate nel 2012 dopo che la procura di di Sciacca scoprì che erano state costruite con calcestruzzo depotenziato.

In questo periodo le famiglie hanno vissuto in appartamenti presi in affitto grazie anche a un contributo mensile di 250 euro erogato dal comune di Ribera. Il sindaco del paese crispino è felice per l’abbattimento delle case.

Palazzine case popolari