Brolo

Brolo, un nascituro fortunato: può contare su tredici nonni

Forse un tempo l’accadimento come quello di Nicolè di Brolo, sarebbe passato quasi inosservato. Oggi noi, con i tempi che corrono, lo consideriamo un caso fortunato. Si perchè avere tredici nonni che a turno potrebbero prendersi cura di te e trasmetterti tutto il loro amore non è di tutti. È nato infatti a Brolo, nel Messinese, Nicolò Bonfiglio, bimbo con una famiglia da record composta da tredici nonni. Tra l’ultimo arrivato e la più anziana trisavola intercorrono ben cinque generazioni. Tutti in forma e pronti ad accudire il piccolo.

Nicolò è un amabile angioletto, figlio di una coppia di Brolo, Francesco Bonfiglio, e Vera Marziano, nato nell’ospedale di Patti, che può vantare al suo attivo un primato, quello di avere una discendenza da guinness, formata da quattro nonni, otto bisnonni ed una trisavola Maria Ricciardello, di ben 95 anni, bisnonna di papà Francesco, natio di Brolo.

E come dimenticare gli zii, tantissimi, per quattro generazioni che di sicuro, c’è da scommetterci, non faranno mancare l’amore all’ultimo arrivato della numerosa famiglia. Tante generazioni, dai genitori, mamma Vera Marziano, 23 anni e papà, Francesco Bonfiglio, 28 anni, alla trisavola, anche lei pronta a dar una mano per cambiare pannolini e preparare poppate.

E la nonna materna Rosy Di Nardo, donna attiva ed energica che per festeggiare l’arrivo del nipotino ha preparato un pranzo luculliano per tutti, al settimo cielo commenta: “Da oggi potete chiamarmi nonna… in tutte le lingue del mondo”. Oltre al numeroso stuolo di nonni, il piccolo Nicolò, nato lo scorso 10 settembre all’ospedale pattese “Barone Romeo”, vanta anche ben quattro generazioni tra zie e zii, pronti ad amarlo ma anche si perchè no, a viziarlo. Il primato, fino allo scorso febbraio era detenuto dalla piccola Chloe, di Termini Imerese, in provincia di Palermo, con i suoi 12 nonni.