Aci Catena

Aci Catena, beccati altri 100 sporcaccioni: il Comune etneo diffonde le foto degli incivili

Il sindaco di Capo d’Orlando, Franco Ingrillì, nei giorni scorsi ha sollecitato i cittadini del suo comune a segnalare coloro i quali con assoluta maleducazione e scarso senso civico sporcano immotivatamente la città nella quale vivono. Il suo collega di Aci Catena, in provincia di Catania, probabilmente soffre dello stesso problema ma promette che gli sporcaccioni avranno vita dura perchè lui userà il pugno duro contro chi sporca e non si adegua alla raccolta differenziata che nel paese tocca quasi il 60%.

E’ involontariamente, un assist che l’Amministrazione Oliveri sembra dare al suo collega di Capo d’Orlando che da 24 ore si è sbarazzato dalla presenza ingobrante della vecchia gestione per affidare il servizio di raccolta rifiuti urbani alla Loveral Srl di Patti che, ne siamo certi, fornirà un servizio migliore del precedente e certamente più economico. 

Di concerto con il settore Ecologia ed il corpo di Polizia Locale di Aci Catena, prosegue intanto la battaglia a suon di verbali e sanzioni. Circa 100 i soggetti finora ( che devono essere sommati al centinaio, sanzionati circa un mese addietro), colti in flagranza.

Il servizio di pattugliamento operato dai vigili al comando del dott. Sebastiano Forzisi e le numerose telecamere attive sul territorio comunale, oltre che il servizio in borghese e su auto civette, ha permesso di stanare anche gli ultimi (per ora) imperterriti incivili. Va segnalato che, in caso di recidività, tra le persone già sanzionate, ove dovessero configurarsi responsabilità, si procederà a denunciare gli stessi, alla Procura della Repubblica per reati ambientali.

«La legge ci obbliga ad una soglia minima del 65% – a parlare è il sindaco Nello Oliveri – l’obiettivo di questa amministrazione è avere un territorio pulito e non sfregiato da pochi incivili e maleducati».

«Il lavoro di squadra paga – commenta il vice sindaco con delega all’ecologia Giovanni Pulvirenti – in questo senso, corre l’obbligo ringraziare gli uffici del mio settore, con in testa il responsabile del servizio Francesco Agostino e gli operatori della Polizia Locale, coordinati dal comandante dei vigili Nello Forzisi, oltre che al D.E.C. Isp.Turi Pennisi. Non vogliamo rassegnarci a darla vinta a pochi incivili, continueremo il nostro impegno h24 – prosegue Pulvirenti – affinchè si possano raggiungere altri confortanti dati percentuali, in fatto di raccolta differenziata».

Neanche il primo cittadino di Capo d’Orlando vuol rassegnarsi ai pochi ma ostinati incivili e spera che questo sfregio al territorio finisca.

Nello Oliveri