Vulcano

Eolie. Alla scoperta di Vulcano, dal turismo alla gastronomia. Un’isola “selvaggia” ma affascinante

Parlare di Vulcano non è semplice, l’isola racchiude in se molteplici aspetti e si presenta al tempo stesso sia come un luogo di relax che come meta per i visitatori più avventurosi. Le tante peculiarità presenti propongono diverse sfaccettature dell’ampio panorama gastronomico, dal classico street food ai sapori più ricercati.

Il turismo è, chiaramente, il principale trampolino di lancio per lo sviluppo economico dell’isola. Un turismo che si rivolge non solo agli italiani e ai siciliani ma, anche, ai visitatori provenienti dall’estero. Ma come funzional’accoglienza turistica in un’isola come Vulcano?

“Una delle principali caratteristiche su cui bisogna puntare è senz’altro l’unicità –spiega un addetto ai lavori come Trani- la posizione, i servizi offerti e la differenziazione contano molto nel turismo ed è ciò che abbiamo cercato di fare realizzando una sorta di isola nell’isola con il nostro resort. E’ fondamentale, per creare una destinazione rivolta ai turisti, la sinergia con il territorio e con le strutture circostanti”.

“Cerchiamo sempre di relazionarci con tutto il panorama eoliano con cui manteniamo i contatti- prosegue- l’obiettivo è cercare di creare una vera e propria realtà turistica che, purtroppo, non si è ancora del tutto sviluppata nel nostro territorio. Dobbiamo iniziare, infatti, dalla Sicilia che al momento è un vero e proprio brand nel quale tuttavia non si attenzionano i micro luoghi come Vulcano, si parla di Eolie ad esempio ma non si entra quasi mai nelle singole realtà isolane”. Cominciamo a farlo, allora.