Carcere di Agrigento

Agrigento, carcere senza acqua calda e riscaldamenti

“Vogliamo parlare con il Prefetto”. E’ stata questa la richiesta di alcuni detenuti del carcere Petrusa di Agrigento che, a cavallo tra Natale e Santo Stefano, hanno dato vita ad una protesta civile lamentando condizioni ormai davvero pesanti e, in particolare, l’assenza dei riscaldamenti e addirittura dell’acqua calda per potersi lavare. I detenuti alla fine hanno incontrato il capo della polizia penitenziaria che ha provato a trovare una soluzione nell’immediato. Una situazione che sta degenerando – quella all’interno del carcere Petrusa di Agrigento – testimoniata anche dai recenti sopralluoghi prima da parte di una delegazione dei Radicali e in seguito anche del Prefetto, del Procuratore Capo di Agrigento e, infine, del governatore Musumeci che ha definito “una vergogna” la struttura agrigentina.

La Procura di Agrigento, in seguito ad alcune segnalazioni di detenuti ma anche della delegazione radicale, ha aperto un fascicolo d’inchiesta negli scorsi mesi.