Ferrovia CT- CL

2020: viaggiare in treno in Sicilia costa il 10% in più

A Capodanno i siciliani hanno trovato un aumento del 10% delle tariffe ferroviarie. Avvicinando l’Isola agli euro pagati da regioni molto ma molto più ricche. Roba  a firma dell’imbelle forzista falcone, uno dei peggiori assessori della storia. Dunque, Messina -Taormina o Catania – Taormina sale ad euro 4,70, Palermo-Messina ad euro 14,10, Siracusa – Messina ad euro 11,60, Catania – Messina e Capo d’Orlando -Messina ad euro 8,40. Ma il raffronto su 45-49 chilometri porta a scoprire che, tolti i 5,80 toscani e i 5,20 veneti, , il resto è quasi simile alla Sicilia. Con la ” straordinaria” Calabria a 4,80 euro. Il Piemonte? 4,70. Lombardia 4,80, Umbria 4,85, Emilia 4,75, Marche 4,65. Il Friuli è a 5 euro. Giusto ricordare che su alcune tratte del Nord con RV si paga più del regionale. Certe regioni sono sotto i 3,50, Lazio in testa. Ah, i ricchissimi trentini pagano 3,70 . Ma da quelle parti il treno non è considerato bene di lusso. Nota per Falcone. Su alcune tratte si applica tariffa per un chilometraggio superiore a quello effettivo. Si muovano Codacons e chi sa…