L’astrofisico Luca Naso è partito per la maratona di 9000 chilometri

E’ partito alle 7,30  di ieri dal lungomare di Catania il runner amatoriale Luca Naso, un astrofisico che lavora per la società catanese Neodata. L’ha fatto nel giorno in cui prende il via il progetto “Correre ai confini”: Naso, fino al 31 dicembre 2020, percorrerà i confini d’Italia, ovvero l’intero perimetro dello Stivale, per 8.876 km, 296 giorni di corsa e un totale di 591 tappe. Ieri  Luca non era solo: oltre ai componenti del suo team, l’hanno raggiunto a sorpresa amici, parenti e sostenitori. Prima tappa fino ad Acireale. La seconda, di 15 chilometri, fino a Riposto. Oggi  Luca arriverà a Giardini Naxos e poi a Messina. «Credo nella forza dei sogni; e sono convinto che impegnarsi per far in modo che si realizzino, ci renda persone migliori». Il monitoraggio fisico sarà curato da specialisti, mentre l’ospitalità e l’accoglienza saranno il frutto della generosità del prossimo.

«Sarà un esperimento sociale la cui riuscita si regge sulla fiducia e sull’energia delle persone che incontrerò e che non conosco ancora. Ho deciso di farlo perché credo nel potere della della condivisione; e nel fatto che insieme siamo in grado di realizzare opere grandiose».