Ecco perchè hanno liberato Calogero Montante

“L’opzione processuale per il rito abbreviato neutralizza il pericolo di inquinamento probatorio” per Antonello Montante, l’ex presidente degli industriali scarcerato ieri sera. E quanto si legge nel provvedimento della Corte d’Appello di Caltanissetta. “Avuto riguardo al tempo decorso dell’inizio dell’esecuzione della misura cautelare deve considerarsi attenuato il rischio di recidivanza sia sotto il profilo dell’attualità che sotto quello della concretezza”. L’obbligo di dimora ad Asti per Antonello Montante è “una misura adeguata a fronteggiare le esigenze cautelari”. Lo scrivono i giudici della Corte d’appello nel provvedimento di scarcerazione. Montante ha anche l’obbligo di presentazione per due volte al giorno ad Asti, alle nove del mattino e alle 18. Ha stravinto la linea dell’avvocato Carlo Taormina, difensore di Montante, che ha sulle spalle una condanna a 14 anni per reati vari. Esplode l’ira sul web per ” i due pesi e le due misure”. Ad altri mai concesso simile ” privilegio”.