Cateno De Luca

La replica del sindaco di Messina De Luca, al Viminale

Non si è fatta attendere la reazione di De Luca che su Fb ha scritto: «Lo Stato vuole la testa del sindaco De Luca. Sono stato denunciato per aver scoperchiato le vergogne di Stato». “Signor ministro, io la denuncia me la prendo perché mi darà modo di difendermi nelle sedi opportune in quanto voi avete consentito di far passare dallo Stretto di Messina mezzi senza le prescritte autorizzazioni e controlli”, continua De Luca. “Le prove ci sono perché il 23 marzo quando io ho occupato lo Stretto – spiega – abbiamo verificato e denunciato 10 persone perché erano su tre macchine non in regola, dopo che erano stati fatti i presunti controlli a Villa San Giovanni.
Signor ministro le ho chiesto di avere una formale spiegazione del perché la Renault 4, partita dalla Francia, è passata indisturbata per tutto lo Stivale e il 22 marzo ha attraversato lo stretto di Messina.
Erano artisti di strada che non erano venuti per uno stato di necessità in Sicilia. Anzi, scorrazzano per la Sicilia mentre noi stiamo chiusi in casa e lei signor ministro ancora una spiegazione non l’ha data. Io ho definito questa cosa depistaggio di Stato e mi sono preso la responsabilità”, conclude.