Acireale

Gallarate protesta per i buoni spesa di Acireale

Non posso tacere vedendo quanto il governo sta facendo! Non voglio farne una questione politica ma non posso non incazzarmi a livello amministrativo: un conto è essere solidali ma un conto è passare sempre per deficienti e scusate ma non ci sto!
Nelle scorse settimane ho anche ringraziato il governo per qualche precisazione puntuale ma oggi, sempre nell’interesse della comunità che rappresento, non posso proprio tacere! Chi da gallaratese (o da cittadino lombardo) si indignerà per il mio post, sarà davvero colui che “fa politica”, non io!
Perché chi difende una ripartizione del genere è evidentemente in malafede e soprattutto non rispetta i propri concittadini.
Ci sarà chi dirà che questi soldi non sono equamente divisi tra tutti i cittadini; fatto sta che il criterio utilizzato per la ripartizione è proprio il numero di abitanti e non ci sono nei criteri di distribuzione valutazioni puntuali sullo stato di povertà o indigenza.
Quindi, cari concittadini se avrete bisogno dei buoni spesa e non ve ne saranno per voi è perché per il Governo ne avete meno bisogno di chi abita a Ercolano o Acireale.
Il momento dell’unione e della solidarietà nazionale ci potrà essere solo quando tutti verranno trattati allo stesso modo ed è paradossale come chi è più colpito è bloccato dal doppio del tempo rispetto agli altri ottenga metà dei fondi!