Brolo

Brolo, tirocini inclusivi nelle aziende

 L’Assessore Fioravanti “Una grande opportunità per le imprese di Brolo”

“E’ una grande opportunità per le aziende di Brolo per integrare senza alcun costo la propria forza lavoro ed arricchire professionalità e competenze. Invito le imprese brolesi a farsi avanti per cogliere tutti i vantaggi di questo progetto”. Così l’assessore Tina Fioravanti presenta i tirocini inclusivi presso aziende/borse lavoro previsti nell’ambito del progetto PON del Sostegno per l’Inclusione Attiva. 

L’area Area Omogenea Distrettuale 1, costituito dai Comuni di Patti, Brolo, Gioiosa Marea, Librizzi, Montagnareale, Oliveri, Piraino e San Piero Patti, facenti parte del Distretto Socio Sanitario n. 30 ha ottenuto un finanziamento relativo ad un progetto per l’attivazione dei Tirocini inclusivi di cui potranno beneficeranno fino a 35 persone destinatarie del Reddito di Inclusione, il cui inserimento avverrà in collaborazione con le imprese e tramite i centri per l’impiego, previa valutazione compiuta da una equipe multidisciplinare.

Il tirocinio è finalizzato a creare un rapporto diretto con il mondo del lavoro allo scopo di favorire l’acquisizione di competenze professionali e l’inserimento o il reinserimento lavorativo di soggetti in condizione di disagio socio economico in quanto disoccupati o inoccupati. 

Per ogni tirocinio, della durata di sei mesi, sarà erogato all’utente una indennità mensile pari a 320 euro per un impegno di 4 ore giornaliere al massimo. Le aziende non dovranno sostenere costi per l’attivazione dei tirocini in quanto tutte le spese sono a carico del progetto.

Il bando di partecipazione e la relativa modulistica sono pubblicati sul sito istituzionale del Comune di Brolo e le aziende che intendono aderire possono presentare richiesta tramite Pec o direttamente al protocollo del Comune. “E’ un progetto di grande valenza sociale – commenta l’Assessore Tina Fioravanti – che consente alle persone con difficoltà economica di entrare o rientrare nel mondo del lavoro e alle aziende di sfruttare nuove professionalità. Credo che sia il momento giusto per le imprese di dimostrare solidarietà e di ricevere a costo zero una forza lavoro che può portare nuova linfa all’attività”.  La scadenza per la presentazione delle domande è fissata al 7 luglio.