Roberto Mancuso è il presidente del circolo FdI di Sant’Agata M.llo

Nasce sotto i migliori auspici a Sant’Agata Militello il Circolo Fratelli d’Italia, uno dei tanti nel messinese. Per tante ragioni la presidenza dell’organizzazione politica del Circolo è andata a Roberto Mancuso, ma due su tutte le delineano. a prima perchè è una persona affidabile e motivata: ci si augura soltanto che non tradisca le attese. La seconda ragione è che ha avuto l’imprimatur di Francesco Storace, già senatore e ministro della Repubblica italiana che, seppur un po’ defilato negli ultimi tempi, la sua presenza in queste occasioni, è motivo di grande compiacimento.
A nessuno sfugge il fatto che il partito della Meloni, non abbiamo molta simpatia per lei e in quel ruolo pur con i suoi noti modi spicci vedremmo meglio il buon Storace, si stia allargando sul territorio occupando spazi in passato rimasti lontani e distanti dalla gente. Ecco, al neo presidente Mancuso, se avessimo voce in capitolo, chiederemmo di restringere la forbice che ha portato i cittadini non solo ad allontanarsi dalla politica ma addirittura a diffidarne in maniera evidente. La gente, avrebbe bisogno non della bella politica ma della politica nobile per riavvicinarsi e poter contare nelle scelte, in maniera concreta.
Il circolo di un partito nasce anche per assolvere ad alcuni bisogni fondamentali, parlarne, discutere e confrontarsi con chi te lo chiede, è quanto mai una esigenza inderogabile, che fa bene a tutti. L’assise del circolo, presente anche la deputata nazionale Ella Bucalo, e la consigliera comunale di Capo d’Orlando, Linda Liotta, nella duplice veste di segretaria del circolo orlandino e capogruppo consiliare, hanno fatto da degna cornice oltre che a Mancuso, anche a Salvatore Sapienza, acclamato presidente onorario.

Mancuso, Storace e Sapienza

Seguiremo l’evolversi politico di questo circolo come degli altri costituitisi sul territorio negli ultimi tempi, per capire se della politica possiamo ancora fidarci, oppure constatando il perpetuarsi della distanza siderale tra militanti e cittadini, nostro malgrado dovremo ammettere la sconfitta della classe politica sempre più incapace di comunicare.