Il Presidente del Circolo di FdI di Sant’Agata M.llo, Mancuso, ci spiega il senso della sua scelta e cosa significhi fare politica

Avevo 17 anni circa quando sentii il bisogno di impugnare la bandiera tricolore, ricordo che in quell’anno venne a comiziare a Sant’Agata Militello il grande Almirante. Il Presidente del Circolo di FdI di Sant’Agata Militello, Roberto Mancuso, rammenta che quelli erano sicuramente anni difficili, anni in cui imperava la DC, ed essere di Destra comportava un emarginazione sociale in tutti i fronti e in qualche caso anche essere additati come soggetti pericolosi.
“Il rinnovamento ha creato sbocchi positivi e per certi versi anche negativi”. Il passaggio al nuovo è stato sicuramente positivo, ma non senza contraccolpi”.
La determinazione e la coerenza di Giorgia Meloni, dice Roberto Mancuso, “mi hanno ridato l’entusiasmo che avevo perduto dopo la delusione di Fini. Ho sentito che era il momento di scendere in campo per le mie idee per il mio territorio e anche per la mia Sant’Agata”.
Per il neo presidente del circolo territoriale, “trovarsi accanto a Tuccino Sapienza è motivo di orgoglio e stimolo, in quanto militante della prima ora, mio maestro politico e mio mentore. Valori antichi rivalutati in un Mondo moderno acquistano valenza attuale ed impegno nella realtà di oggi”.
In conclusione Roberto Mancuso, da persona politicamente genuina e sincera, si sente di assumere un impegno che, conoscendolo, manterrà: “Chiamerò accanto a me forze di qualsiasi età, giovani e meno giovani, ma competenti e con i valori della Destra nel cuore”.