Matteo Longhitano

Centuripe (Enna). In garage sostanze chimiche e congegni per costruire bombe  

carabinieriHa stipato nel suo garage materiale esplosivo, diverse sostanze chimiche per la fabbricazione di bombe carta e confezioni di grossi petardi vietati. Un uomo di 41 anni di Centuripe, in provincia di Enna, è accusato di detenzione illegale di aggressivi chimici e di altri congegni esplosivi ed è stato arrestato dai carabinieri di Nicosia e di Centuripe. Si tratta di Matteo Longhitano, di 41 anni, di Centuripe.

I militari hanno effettuato una perquisizione dell’abitazione e hanno scoperto diverse quantità di aggressivi agenti chimici ed altri congegni per la costruzione di bombe artigianali. Longhitano aveva in casa il materiale come palle di piombo e chiodi modificati da inserire all’interno degli ordigni per aumentare le capacità offensive. I carabinieri hanno trovato anche dei gusci di uova di gallina con all’interno della polvere, la cui natura è ancora da accertare.

L’attività di polizia giudiziaria rientra in una più ampia attività di controllo svolta dai Carabinieri del Comando provinciale di Enna, sul territorio del Comune di Centuripe, dove nell’ultimo periodo si sono verificati degli strani incendi dolosi di autovetture.

Le indagini dei carabinieri, coordinate dal Sostituto Procuratore della Procura della Repubblica di Enna, Francesco Lo Gerfo, puntano a stabilire il motivo per il quale Longhitano detenesse questo materiale. L’uomo è agli arresti domiciliari