Restyling San Gregorio: le soluzioni rinviate al Piano Urbano del Traffico e al Piano Urbano Parcheggi.

Il dibattito politico di questi giorni per il Restyling della litoranea di San Gregorio, dimostra ancora una volta, il dinamismo della società civile e l’approssimazione dell’amministrazione Ingrillì nell’individuazione delle soluzioni alle quotidiane problematiche.
Infatti, invece di presentare il Piano Urbano del Traffico e il Piano Urbano dei Parcheggi, peraltro già oggetto di una mozione approvata dal Consiglio Comunale, si rende protagonista di proposte estemporanee e spesso contraddittorie prive delle più elementari valutazioni comparative.

I consiglieri comunali Liotta, Scafidi, Gazia e Mangano

Saremo promotori di una mozione per impegnare il sindaco e l’amministrazione comunale sulla convocazione di un Tavolo Tecnico partecipato da consiglieri comunali, in rappresentanza sia della maggioranza che della minoranza, dai rappresentanti delle attività produttive, dei consumatori/utenti e delle associazioni ambientaliste nelle more della istituzione di una Commissione Consiliare Straordinaria, di studio e consulenza, ai sensi dell’art.12 lettera b) del regolamento per il funzionamento delle commissioni consiliari permanenti.
La richiamata Commissione deliberata a maggioranza del Consiglio Comunale, con la eventuale individuazione di esperti esterni dalla riconosciuta competenza in materia, avrà l’obiettivo di individuare le più idonee e innovative progettualità finalizzate alla rinaturalizzazione del tratto di litorale, compreso tra il Faro, il Borgo di San Gregorio, Villa Bagnoli e il Porto, nonché alla realizzazione dei parcheggi nell’ex area di cantiere e alla riqualificazione dell’ ex SS 113, nel tratto di strada compreso tra il Capriccio ed il Cavalcavia Milio, con l’indispensabile e urgente messa in sicurezza dell’incrocio con la Superstrada San Martino – San Gregorio.
Tutto ciò premesso, auspichiamo che tutti gli attori socio-economici e istituzionali si confrontino serenamente con la consapevolezza che la tutela dell’ambiente e del paesaggio deve essere rispettosa sia della qualità della vita dei cittadini che degli operatori commerciali, tenendo conto altresì delle problematiche conseguenti alla realizzazione del senso unico di marcia, e segnatamente la presenza di strade alternative, isolate, abbandonate e poco illuminate, estremamente pericolose per i giovani motociclisti. Ciò rappresenterebbe la fisiologica continuazione di quanto già approvato da questo Consiglio comunale ovvero la mozione che impegna Sindaco e Giunta a mettere in atto quanto di loro competenza per giungere alla redazione di un articolato Piano Urbano del Traffico ( PUT ) ed un Piano Urbano Parcheggi ( PUP ).
F.to Mangano Renato Carlo, Gazia Sandro, Liotta Teodolinda, Scafidi Felice.