Affitti in nero, 1 milione non dichiarato. La GdF passa a setaccio la fascia jonica messinese

Ventinove immobili dati in affitto in nero. La Guardia di Finanza di Taormina e di Messina ha scoperto l’evasione fiscale di oltre un milione di euro nella fascia jonica della provincia. Le indagini nascono da una mappatura dei fabbricati commerciali da Scaletta Zanclea a Giardini Naxos, zona a elevato turismo estivo, e arrivano a conclusione grazie all’incrocio delle informazioni ricavate dall’Agenzia del Territorio e dalle risposte fornite a specifici questionari sottoposti ai conduttori degli immobili.
Contratti non registrati o registrati con importi minimi. Alcuni proprietari si erano accordati con i vari inquilini verbalmente o scrittura privata, senza mai registrare alcun contratto all’Agenzia delle Entrate.
Altri avevano registrato il contratto ma per importi molto più bassi rispetto a quelli pattuiti, offrendo modesti sconti agli inquilini, non versando l’imposta di registro (in totale quasi 60mila euro) e non pagando l’imposta sui redditi percepiti.
Dieci evasori totali. Scoperte anche dieci persone totalmente sconosciute al fisco perché non hanno mai presentato dichiarazioni dei redditi negli ultimi anni. Tutti sono stati segnalati all’Agenzia delle Entrate di Messina per il concreto recupero delle imposte evase e per la contestuale regolarizzazione o registrazione dei contratti di locazione in essere.