Capo d’Orlando, l’Amministrazione comunale non rispetta gli impegni assunti

Amministrazione Ingrillì non rispetta gli impegni assunti con i dipendenti comunali e con il Prefetto. Martedì 13 confronto in Aula e oggi con il Questore Capoluongo. Il prossimo consiglio comunale fissato per martedì prossimo, 13 luglio,  su proposta del presidente del Consiglio in rappresentanza di tutte le compagini politiche, tratterà la Vertenza Sindacale e segnatamente il punto 6 dell’ O.d.G.” Ritardo Pagamenti Retribuzioni dipendenti comunali”. Purtroppo è sempre attuale la problematica legata ai ritardi nella corresponsione delle mensilità ai dipendenti comunali in considerazione che ad oggi non è stato onorato il debito e non si è fornita alcuna rassicurazione sulla data del pagamento del mese di marzo, nonostante l’impegno assunto dal sindaco con le organizzazioni sindacali e con l’assemblea dei dipendenti, formalizzato e ratificato in Prefettura. Che si annoveri nella superficialità o invece nell’impossibilità per carenza di risorse, l’amministrazione Ingrillì sta contribuendo ad esasperare la già precaria situazione economica-finanziaria dei dipendenti e delle rispettive famiglie che sempre più impotenti devono onorare gli impegni contrattuali assunti con istituti bancari e/o finanziarie, nonchè fornitori di beni e servizi indispensabili per soddisfare i bisogni primari e le necessità rispondenti ad una qualità della vita decorosa e rispettosa della dignità di ognuno. La visita istituzionale del questore di Messina, dott. Gennaro Capoluongo nella tarda mattinata di oggi giovedì 8, coinciderà con la convocazione dell’ennesima assemblea dei dipendenti comunali presso la villa antistante il Comune. Quale migliore occasione per rappresentare i disagi socio-economici delle famiglie dei dipendenti e dell’assenza di garanzie per le future retribuzioni? Da settimane raccogliamo amarezza e sconforto tra i nostri concittadini, increduli su quanto sta accadendo. Ciò che ci preoccupa e non dobbiamo sottovalutare è che ai sentimenti di smarrimento si aggiunge un’inevitabile sfiducia nei confronti delle Istituzioni, per loro ragion d’essere preposte a garantire i diritti dei cittadini. Noi consiglieri comunali, ci confronteremo in aula con i nostri colleghi, ma prima di martedì riteniamo sia urgente sollecitare tutte le autorità competenti per una tempestiva risoluzione della richiamata vertenza salariale.

Capo d’Orlando, Renato Mangano, Sandro Gazia, Linda Liotta, Felice Scafidi