Istituto Minutoli di Messina

Domani è l’Ata Day. A Messina iniziativa all’Istituto Minutoli

3 aprile ’17 – «Facciamo che sia una bella giornATA». È lo slogan che caratterizzerà l’Ata Day, la giornata organizzata dalla Cisl Scuola dedicata al personale ATA della scuola che si svolgerà domani in tutta Italia e a Messina con una iniziativa all’Istituto Minutoli con inizio alle 11.30.

«L’offerta formativa della scuola dell’autonomia coinvolge e chiama in causa l’organizzazione complessiva della scuola e tutti i profili professionali presenti, per questo è necessario la partecipazione attiva del personale ATA nei processi decisionali dell’istituto», sottolinea il segretario provinciale della Cisl Scuola, Carmelo Cardillo.

“Una categoria dimenticATA”, quella del personale tecnico-amministrativo, secondo la Cisl. «È necessario far emergere le specificità delle funzioni ATA nel loro pieno esercizio – sostiene ancora Cardillo – Nelle segreterie, nei laboratori, negli spazi della scuola a contatto con gli alunni, in collaborazione con la docenza e la dirigenza scolastica. Negli ultimi anni tagliati circa 50.000 posti ATA, pur avendo, si suppone, lo stesso numero di studenti prima degli “aggiustamenti economici”».

Il sempre maggiore utilizzo di aule multimediali, spazi disabilità e palestre, di didattica di laboratorio e di officina «virtuale», le maggiori e diversificate funzioni amministrative e gestionali aggiornate e complesse, l’aumento del tempo scuola si concretizza con maggiori carichi di lavoro e conseguenti criticità mentre si realizzava il blocco delle supplenze del personale ATA voluto dal governo Renzi subito dopo l’aggiornamento delle graduatorie triennali che ha coinvolto inutilmente quasi un milione e mezzo di precari che hanno visto e vedono azzerate le speranze di un  contratto di supplenza.

«Il nostro obiettivo – spiega ancora Cardillo – è la centralità del lavoro Ata, la specificità ed essenzialità delle sue funzioni all’interno del progetto educativo. Il personale Ata svolge >insostituibili funzioni istituzionali che sono in diretta relazione con la progettazione didattica. La complessa specificità delle prestazioni Ata rende indispensabile avere all’interno delle scuole le competenze operative necessarie per affrontare gli attuali livelli di complessità progettuale, gestionale e di responsabilità».