E’ morto Paolo Villaggio: aveva 84 anni

Per anni e anni ha riempito i cuori degli italiani grazie alla sua ironia, con la quale ha raccontato in maniera unica i vizi della nostra società. Paolo Villaggio ci lascia all’età di 84 anni e con lui se ne va una pagina della vita italiana. Da qualche giorno l’attore genovese era ricoverato in una clinica privata di Roma a causa del suo diabete.

Nato il 30 dicembre 1932 da padre siciliano e madre veneziana, ma ligure fino al midollo nel suo mix di cinismo e romanticismo, Villaggio ha interpretato in tv e al cinema personaggi legati a una comicità paradossale e grottesca, come il professor Kranz e Giandomenico Fracchia, fino alla creazione prima letteraria e  poi cinematografica (in dieci film) del ragionier Ugo Fantozzi. Come dimenticare i celeberrimi “Scusi, chi ha fatto palo?”, oppure la “frittatona con cipolle, familiare di Peroni gelata, tifo indiavolato e rutto libero”, incollato alla televisione per vedere la partita della Nazionale. O ancora: le tragiche Olimpiadi aziendali, in cui il ragionier Fantozzi è obbligato a cimentarsi in disastrose prove atletiche.

Le scene legate allo sport sono memorabili: sulle piste da sci o in campo per la partita scapoli contro ammogliati, tifoso di calcio costretto alla visione di film cecoslovacchi o ciclista nell’infernale Coppa Cobram. E tante altre gag, esilaranti e indimenticabili.

A ben pensarci, Paolo Villaggio, non è stato un attore valorizzato dal cinema italiano: poteva dare molto di più, col permesso di Fracchia e Fantozzi!