Comune Sant' Agata Militello(Me)

Sant’Agata Militello (Messina) Interrogazione del gruppo di opposizione

Una interrogazione, con la richiesta di risposta orale, dei consiglieri Ortoleva e Barbuzza, del gruppo politico del comune santagatese, è stata rivolta al sindaco della città e per conoscenza al presidente del civico consesso. I due firmatari dell’interrogazione, Ortoleva e Barbuzza, scrivono:

PREMESSO CHE:
presso gli uffici del “Commissario di Governo contro il dissesto Idrogeologico nella Regione Siciliana ex legibus n. 116/2014 e n. 164/2014” di Palermo sono state recentemente effettuate le procedure di gara relative alla ricostruzione del lungomare (CUP: J46J16000860001 – CIG 7035914BE6);

con verbale n. 6 del 27/06/2017, pubblicato sul sito web ucomidrogeosicilia.it, la commissione di gara ha stilato la “graduatoria provvisoria” fra le imprese partecipanti;
come riportato nel citato verbale n. 6 del 27/06/2017, alla riapertura della seduta pubblica la Commissione di gara dovrà pronunciarsi in ordine al procedimento di verifica delle cosiddette offerte “anormalmente basse”;

sul sito ucomidrogeosicilia.it, prima della celebrazione della gara d’appalto, sono stati pubblicati gli elaborati progettuali, i relativi verbali di verifica e validazione del progetto, lo schema del bando di gara ed altra documentazione relativa all’opera di che trattasi;
CONSIDERATO CHE:
su richiesta dell’opposizione consiliare, in data 28/01/2017 il Consiglio Comunale si è riunito in seduta “aperta” per discutere delle questioni legate alla ricostruzione del lungomare;
da un sommario e preliminare esame di una parte della corposa documentazione pubblicata, si è recentemente appreso che il progetto redatto dalla Città Metropolitana di Messina nel mese di giugno 2016 è stato oggetto di due integrazioni, redatte rispettivamente nel mese di gennaio e nel mese di febbraio 2017;

In particolare, nella cosiddetta “Relazione integrativa al progetto esecutivo”, datata gennaio 2017 e che si allega in copia (allegato n. 1), si riporta testualmente, tra l’altro, che: “…si ritiene che l’evoluzione del fenomeno erosivo, tuttora in atto, non consentirà la realizzazione delle opere di finitura previste in progetto. Pertanto, fin da adesso, si manifesta la necessità di redigere, una volta effettuata la gara di appalto, una perizia di variante e suppletiva atta all’utilizzo della differenza sul finanziamento complessivo e l’utilizzazione dell’eventuale ribasso d’asta.”;

Inoltre, nel cosiddetto “Aggiornamento dello stato dei luoghi a febbraio 2017”, datato 20/02/2017 ed allegato in copia (allegato n. 2), dopo le premesse relative ai cambiamenti rispetto alla data del progetto originario, si riporta che: “Pertanto, fin da adesso, si è manifestata la necessità di redigere una variante preventiva l’appalto che tenesse conto delle modifiche fino ad adesso sopraggiunte.”;

Ad oggi, gli scriventi consiglieri comunali non hanno notizie in ordine alla redazione e approvazione di “perizie di variante” e/o di “perizie di variante e suppletive” ai sensi delle vigenti norme sugli appalti pubblici;

ciò premesso e considerato, visto l’art. 27 della L.R. n. 7/92, l’art. 82 dello Statuto Comunale, l’art. 48 del vigente Regolamento per funzionamento del Consiglio, nell’ambito delle attribuite funzioni di controllo politico-amministrativo, si chiede di
CONOSCERE:
se, preliminarmente all’appalto per l’aggiudicazione dei lavori, è stata redatta o meno la variante citata nell’elaborato progettuale redatto dai progettisti in data 20/02/2017 e denominato “Aggiornamento dello stato dei luoghi a febbraio 2017”;

se, tenuto conto di quanto riportato nella cosiddetta “Relazione integrativa al progetto esecutivo”, redatta dai progettisti nel mese di gennaio 2017 ad integrazione degli elaborati progettuali e vistata anche dal R.U.P., è stato richiesto all’Ente finanziatore (dal Comune di Sant’Agata Militello, dalla Città Metropolitana di Messina o da qualsivoglia altro soggetto) di utilizzare il ribasso d’asta ai fini della redazione di una “perizia di variante e suppletiva” necessaria alla realizzazione di tutti i lavori previsti nel progetto originario;

se l’amministrazione comunale pro-tempore era a conoscenza di quanto riportato nei cosiddetti “elaborati integrativi” al progetto allegati alla presente interrogazione;
se e quali iniziative ha assunto o intende assumere l’amministrazione comunale p.t. in relazione a quanto riportato nei cosiddetti “elaborati integrativi” al progetto;
se non si ritiene che l’eventuale necessità di redazione di eventuali perizie di variante, come sottolineato dai progettisti ancor prima della celebrazione della gara d’appalto, non possa comportare un allungamento dei tempi previsti per la realizzazione del progetto;
i tempi previsti per la completa ricostruzione delle opere danneggiate dalle mareggiate a partire dal mese di ottobre 2014.

f.to I Consiglieri
Giuseppe Ortoleva

Domenico Barbuzza

Domenico Barbuzza
Domenico Barbuzza
Giuseppe Ortoleva
Giuseppe Ortoleva