Santo Stefano di Camastra (ME)

Santo Stefano di Camastra (Messina) Assegnate le deleghe assessoriali

Dovrà rimboccarsi le maniche e pedalare a spron battuto la nuova giunta stefanese per i molteplici e gravosi impegni che attendono la nuova squadra guidata dal riconfermatissimo primo cittadino Francesco Re.

Fausto Pellegrino
Fausto Pellegrino

Fausto Pellegrino riconfermato vicesindaco si occuperà di marketing territoriale, promozione della città, innovazione tecnologica ed informatica bilancio, tributi, patrimonio, commercio, gestione e manutenzione servizio idrico integrato, personale, salvaguardia e valorizzazione dei siti storico-archeologico, artigianato, sistema musicale e museale, servizi cimiteriali.

Santo Rampulla ha avuto le deleghe per attuazione programma, agricoltura, zootecnia, pesca, servizi demografici, polizia municipale, viabilità, rapporti con il consiglio comunale, protezione civile, verde pubblico, ambiente ed ecologia, ambiente e decoro urbano, impiantistica sportiva, manutenzione strade, politiche di valorizzazione delle periferie.

Cinzia Sottosanti
Cinzia Sottosanti

Cinzia Sottosanti, consigliere comunale ed espressione del mondo giovanile, sarà responsabile di volontariato ed associazionismo, politiche sociali, familiari e dell’integrazione, politiche educative, formazione, scuola, pari opportunità, welfare, biblioteca, cultura della salute, cultura e trasparenza.

Alessandro Amoroso, assessore uscente, secondo degli eletti e attualmente vicepresidente del consiglio comunale, si occuperà di realizzazione e gestione di eventi. “Giusto riconoscimento – sottolinea il sindaco Re – al grande lavoro dallo stesso realizzato nella scorsa consiliatura”.

Si tratta di una giunta di servizio  – si legge nel comunicato diramato dall’ufficio del sindaco – caratterizzata da una forte connotazione operativa, unitamente ad una grande e riconosciuta competenza nelle materie delegate. Un esecutivo che dovrà lavorare a servizio della cittadinanza, con occhi e orecchie all’interno di tutto il tessuto sociale stefanese”.