Villa Piccolo, Capo d'Orlando

Capo d’Orlando (Messina) Martedì 18 luglio la letteratura rumena a Villa Piccolo

Due importanti Opere di Studiosi rumeni, Intre Roma si Bizant, (secolo XIV-XVI) di Livio Pilat e Frontul Invizibil  di Tamara Botez, che trattando, la prima, di argomentazioni medievali e, l’altra, di eventi della Seconda Guerra Mondiale, vengono in questo Convegno di Villa Piccolo ripresi, in ottica antropologica, per segnare, al di là della loro ineludibile differenza di tempo e di tematica, una unità argomentativa.

Tale unità si lega, di fatto, alla capacità di entrambi di collegare le loro Opere ad un sostrato volto a contestualizzare gli eventi in un processo dinamico, disposto vuoi al confronto tra culture diverse (nel primo caso, tra Roma e Bisanzio), vuoi al confronto tra livelli sociali diversi (nel secondo caso, i confini invisibili sugli Agiti determinanti dagli eventi della Seconda Guerra Mondiale).

Allora, due Opere, da leggere, davvero con un occhio particolare, nella logica di una possibile unitarietà di Spazio/Tempo che solo l’Etnostoria, nell’essere essa Scienza, rende nel contempo, ideografica e nomotetica.

Aurelio Rigoli
Aurelio Rigoli

Ma chi sono gli autori che conosceremo a Villa Piccolo giorno 18 luglio grazie al Professore Emerito dell’Università degli studi di Palermo e Presidente del Centro Internazionale di Etnostoria, Aurelio Rigoli?

LIVIU PILAT è Professore di Storia Medievale all’Universitatea Alexandra Ioan Cuza Iasi;

TAMARA BOTEZ è Ricercatrice di Storia Contemporanea all’Universitatea Alexandra Ioana Cuza Iasi.

L’appuntamento è per martedì 18 luglio alle ore 18,00 nell’incantevole parco della Fondazione Famiglia Piccolo di Calanovella in Capo d’Orlando.