Policlinico di Messina

Concorso truccato al Policlinico di Messina, cinque a processo il 19 luglio prossimo

Sarà celebrato il prossimo 19 luglio in Tribunale a Messina ( in sezione collegiale) il processo per il concorso truccato per ufficio stampa al Policlinico. In cinque sul banco degli imputati: Valeria Arena, 33 anni, che vinse quel concorso e che oggi , grazie a un percorso professionale che è al vaglio di più giudici, è addetto stampa ASL a Biella;

i componenti della Commissione esaminatrice, ovvero Giuseppa Sturniolo, l’inviato di Repubblica Palermo Laura Zinniti e l’ex addetto stampa dell’Ismett di Palermo, Laura Oddo, che avrebbero come pubblici ufficiali favorito l’Arena a discapito di Gianluca Rossellini;

la stessa Arena per una falsa attestazioni curriculare, già coperta da prescrizione; l’ex direttore generale del Policlinico Giuseppe Pecoraro, per una proroga d’incarico alla stessa Arena senza ricorrere a procedure di selezione ( prescrizione nel 2021), procurandole un ingiusto vantaggio patrimoniale.

Archiviata, invece, la posizione di Francesco Pira e Domenico Ferrara, per un’ipotesi di violazione d’imparzialità come commissione aggiudicatrice. Fatti che risalgono al 2011, con lunghissima gestazione in Procura con due pm a gestire il fascicolo e un doppio no all’avocazione da parte della Procura generale.

C’è uno stralcio a Reggio Calabria sulla ricostruzione di carriera di Valeria Arena e un’indagine molto complessa a Catanzaro per la valutazione sul comportamento dell’Ordine dei Giornalisti di Calabria nella lettura della residenza a Villa San Giovanni della stessa Arena.