Palazzo Zanca

Messina. Palazzo Zanca fa i conti dei danni a causa degli incendi. 500 mila euro di danni all’agricoltura

Almeno 850 ettari di terreni andati in fumo e 500 mila euro di danni alle coltivazioni E’ questa la prima stima dei danni subiti dal territorio messinese a causa degli incendi delle scorse settimane emersa dalla riunione che si è svolta l’altro ieri a Palazzo Zanca tra il Comune di Messina, rappresentato dagli assessori, allo Sviluppo Economico e Attività Produttive, Guido Signorino, e alla Protezione Civile, Sebastiano Pino, l’Ispettorato Provinciale Agricoltura, rappresentato da Salvatore Bottari, l’ufficio Servizio per il territorio di Messina del dipartimento regionale dello Sviluppo Rurale con Giovanni Cavallaro, l’Ispettorato Diparimentale delle Foreste di Messina con Francesco Gangemi e l’esperto del sindaco, Filippo Cucinotta.

A seguito dell’incontro, l’Ispettorato Provinciale Agricoltura ha calcolato che le coltivazioni hanno ricevuto un danno ad oggi stimato in circa 500 mila euro. In particolare l’incendio della zona tirrenica ha distrutto 30 ettari di uliveto, con una stima per i ripristini di 250 mila euro, 5 ettari di agrumeto e frutteto (stima danni 70 mila euro); 5 ettari di vigneto (100 mila euro).

A questo si aggiungono, in base ai rilievi aerofotogrammetrici e considerando anche i danni derivanti dall’uso di acqua salmastra dai Canadair, 4 ettari di vigneto tra Curcuraci, Pezzolo e Tipoldo (80 mila euro), pervenendo alla stima complessiva di 500 mila euro.

Di incendi boschivi si parlerà anche nell’importante convegno organizzato dall’assessorato allo Sviluppo Economico con la Coldiretti su legalità e contrasto alle agromafie, in programma domani, giovedì 20, dalle ore 10, nel Salone delle Bandiere di Palazzo Zanca. Finalmente, si comincia a ragionare su chi sta dietro questi insopportabili incendi visto che l’autocombustione non c’entra nulla.

Incendio Finale di Pollina
Incendio Finale di Pollina